menu

28/08/17

Patton Reincarnazione, immortalità criogenesi, robotismo, Lincoln-Kennedy

****NUOVO FORMATO CON AUDIO****
***QUESTO DOCUMENTARIO È DIVISO AL SUO INTERNO IN TRE PARTI***

È possibile che la nostra anima coscienza sia davvero immortale e ritorni su questo scenario terrestre molte volte o siamo solo un corpo fisico che morendo si decompone e diventa cenere?
Affermano gli antichi saggi che la reincarnazione è un privilegio per poter evolvere in ogni vita… è corroborato che il nostro corpo fisico è solo un contenitore creato per ricevere la nostra anima coscienza immortale in molte trasmigrazioni attraverso i secoli e molti popoli e culture alludono alla longevità, alla reincarnazione…
Allo stesso modo questa facoltà di ogni essere umano ha l’unico scopo di poter avanzare progressivamente in ogni esistenza ed è stata sempre presente nella storia e molte culture l’hanno vista come una cosa normale e perfino ci sono persone che lo hanno sperimentato e lo testimoniano chiaramente, come il caso di Glenn Ford, il generale Patton… E che dire della misteriosa coincidenza tra la vita e la morte dei presidenti Lincoln e Kennedy, con un intervallo esatto di cento anni tra l’uno e l’altro?
Perché tutto quello che riguarda la reincarnazione, trasmigrazione o palingenesi delle anime è stato considerato come un grave peccato, un’eresia? … Sarà che queste ordinanze del clero sono state una copertura e per questo lo scetticismo e l’incredulità sull’immortalità dell’anima hanno preso forza in tutto il mondo?
È indubbio che, benché il dogma materialista ci voglia far credere che solo la scienza attraverso la sua tecnologia di sintesi, il transumanesimo… sia quella che detiene la supremazia per allungare la vita… in realtà non è come raccontano, dato che si tratterebbe solo di creare una vita artificiale con un DNA adulterato, perché l’anima coscienza, che molti ancora hanno, non può essere rimpiazzata da nessuna macchina per quanto sofisticata sia. Ma qual è l’obiettivo centrale di questo procedimento genetico al quale gli scienziati moderni si sono tanto dedicati?